IL RISO BASMATI

Riso basmati
15 percent off new customers

Nell’odierna puntata della rubrica #NoBrainNoGain, tratteremo una curiosità di molti: perché spesso nelle diete dei culturisti, si parla di riso basmati e non di riso normale?
Il nome di questo riso deriva dal hindi e significa “Regina di fragranza”, “Ricco di aroma innato”. Il riso Basmati viene coltivato in India e Pakistan da centinaia di anni, e alcune varietà vengono oggi coltivate anche negli Stati Uniti
Il riso basmati viene spesso utilizzato nelle diete, perchè ha un IG (indice glicemico) di 58 contro i 90 del riso bianco,ed è quindi adatto a chi segue una dieta, in quanto non fa innalzare repentinamente i livelli di glucosio nel sangue.
L’indice glicemico (IG) è un sistema di classificazione numerica utilizzato per misurare la velocità di digestione e assorbimento dei cibi contenenti carboidrati e il loro conseguente effetto sulla glicemia, cioè sui livelli di glucosio nel sangue. Un cibo con un punteggio dell’IG alto produce un grande picco momentaneo di glucosio dopo il suo consumo. Al contrario, un alimento con un basso indice glicemico provoca un’elevazione del glucosio nel sangue più lento e sostenuto.
Tra le particolarità di questo riso, oltre all’aroma, è degno di nota il fatto che durante la cottura assorbe molta acqua, aumentando di molto il proprio volume. In un eventuale dieta ipocalorica è perfetto, in quanto anche una piccola porzione può dare più ‘senso di sazietà’ rispetto ad un riso comune.
Valori nutrizionali medi per 100gr di prodotto :
– Valore energetico: 347 Kcal. 1454 Kj
– Proteine (nx6,25): 8 g
– Carboidrati: 78 g
– Grassi: 0,89 g
Come cuocerlo? Come un normalissimo riso.
Perché spesso i body builder preferiscono il riso alla pasta? Perche il riso ha un numero di calorie leggermente inferiore, è più povero di grassi, è più ricco di acqua ed amido e perché l’amido del riso è più digeribile di quello della pasta, dando così un senso di sazietà maggiore.

Seguici su FB:Odio i secchi

15 percent off new customers